Leggi tutto su Dipendenza da carboidrati e ritiro dello zucchero qui – Kiss My Keto

Per capire perché siamo tutti drogati di zucchero, diamo un’occhiata a come lo zucchero influenza il cervello e perché potresti sperimentare prelievi di zucchero quando vai in keto. Il cervello umano è “cablato” per essere molto eccitato per lo zucchero! In un passato non molto lontano la carenza di cibo e la carestia erano un problema comune. Quindi abbiamo sviluppato un meccanismo di sopravvivenza per farci amare i cibi dolci e ricchi di energia. Ma al giorno d’oggi è l’eccesso di cibo che ci sta causando problemi. Il nostro amore per lo zucchero è in realtà dipendenza. Ecco perché alcune persone manifestano sintomi di astinenza da zucchero quando diventano tacchini freddi.

I nostri corpi hanno TRE meccanismi chiave di sopravvivenza che coinvolgono cibi dal sapore dolce. Innanzitutto, ci divertiamo. Questo perché i sapori dolci stimolano un cocktail di sostanze chimiche “di benessere” nel cervello. La dolcezza stimola i meccanismi di ricompensa creando un livello naturale che aumenta temporaneamente il nostro umore. I meccanismi che controllano questa ricompensa sono molto simili a quelli per la dipendenza da droghe e alcol. Quindi, come altri farmaci, la sospensione dello zucchero influenzerà le persone fisicamente e mentalmente.

Il secondo meccanismo di sopravvivenza è l’appetito. Il nostro appetito aumenta quando mangiamo cibi dolci. Questo ha aiutato i nostri antenati a mangiare quante più preziose calorie possibili. Nel caso in cui la prossima settimana non ci fossero gustosi cibi dolci da trovare!

Il terzo meccanismo di sopravvivenza è l’accumulo di grasso. Quando mangiamo insulina che stimola i cibi zuccherati, aumenta la conservazione dei grassi. In passato ciò ha garantito che tutte le calorie di ricambio fossero mantenute al sicuro fino a quando non fossero necessarie. Questi meccanismi hanno funzionato alla grande per i nostri antenati. Ma moderni zuccheri altamente raffinati e cibi super-dolci sono come crack-cocaina per il nostro cervello. I percorsi di sopravvivenza semplicemente non possono far fronte alla super-stimolazione. Gli zuccheri raffinati e trasformati agiscono come una potente droga nel cervello, facendolo impazzire.

Proviamo sintomi di astinenza da zucchero quando il nostro “farmaco” viene portato via. Alcune persone che sono forti tossicodipendenti di zucchero hanno più sintomi di influenza cheto. In realtà ci sono cambiamenti ai recettori nel cervello quando si mangiano molti zuccheri raffinati. Ciò significa che, come un utente di eroina, gradualmente hai bisogno di più per diventare “alto”. Fisicamente, lo zucchero è molto più avvincente di molte droghe di strada, motivo per cui è così ingiusto che è “scivolato” in così tanti alimenti.

Se sei abituato a mangiare molto zucchero, potresti scoprire che le tue prime settimane sul cheto sono come una disintossicazione dalla droga. Potresti pensare spesso alle tue prelibatezze zuccherate preferite. Il tuo cervello dipendente proverà a “convincerti” a cedere alla tentazione, proprio come un tossicodipendente. Ma sii forte e rimani keto! Questo è il ritiro dello zucchero che influenza i tuoi processi di pensiero solitamente razionali. Ci sarà un periodo di adattamento mentre il cervello “risensibilizzerà” stesso. I prelievi di zucchero dureranno da pochi giorni a poche settimane, a seconda di quanto eri dipendente.

A poco a poco, scenderai dall’alto degli zuccheri e i cibi dolci diventeranno meno allettanti. Fortunatamente, le tue papille gustative si adattano rapidamente ai cibi cheto senza zucchero. Apprezzerai la dolcezza più sottile, come i mirtilli. Dopo alcune settimane ti sentirai molto più rilassato e meno ansioso nei confronti del cibo in generale. Molte persone provano un senso di calma nei confronti del cibo che non avrebbero mai pensato possibile.

Questa è la magia del cheto! Una volta che il ritiro dello zucchero si è calmato, ti sentirai più in controllo e le voglie diminuiranno.

Tuttavia, proviamo ancora piacere dai sapori dolci, che non cambia. Ma sarai in grado di soddisfare quell’istinto di ricerca del piacere senza sballarti. Sarai in grado di moderare i tuoi desideri e non impazzire. Per molte persone con una storia di eccesso di cibo, il cheto dà loro un rapporto nuovo di zecca con il cibo, uno in cui hanno il controllo, non il cibo.

Purtroppo, lo zucchero è una sostanza avvincente complessa e redditizia che viene regolarmente aggiunta al tuo cibo! Quindi, per mantenerti al sicuro, devi capire cos’è lo zucchero, in questo modo puoi evitarlo con sicurezza. Lo zucchero è in realtà una raccolta di diversi prodotti chimici che il corpo può utilizzare per creare energia. Quello che normalmente chiamiamo “zucchero”, zucchero da tavola granulato bianco, è in realtà il saccarosio. Questo zucchero è prodotto da piante, come la canna da zucchero, che viene raccolta e purificata. È un DIsaccaride che significa che è composto da due unità di carboidrati. Questo non è uno zucchero che mangerai sul cheto, in quanto è puro carboidrati!

Un altro zucchero che potresti conoscere è il glucosio. Quando i medici misurano i livelli di zucchero nel sangue questo è ciò che stanno guardando. È un monosaccaride, che è una singola unità di carboidrati. Questo è un altro zucchero che non devi mangiare con il cheto. Il tuo corpo ha bisogno di un po ‘di esso però. Ma sarà molto intelligente e facile da fare da solo con proteine ​​o grassi. NON è necessario mangiare glucosio sul cheto, è un mito del cheto che è stato eliminato!

Hai notato come entrambi gli zuccheri finiscano in “ose” questo è un indizio sulle etichette se il nome termina in “ose” è sicuramente uno zucchero! I monosaccaridi sono zuccheri semplici – una singola unità di carboidrati. Ciò include il glucosio (chiamato anche destrosio); fruttosio e galattosio. Tutti sono keto-compatibili con le Nazioni Unite e da evitare totalmente. I singoli zuccheri possono essere uniti In coppie formano DIsaccaridi. Saccarosio, lattosio (lo zucchero naturale nel latte) e maltosio (presenti nel malto) sono disaccaridi presenti in natura.

Ma possono anche essere trasformati in lunghe catene, un po ‘come mettere insieme perline. Questo rende gli zuccheri complessi come l’amido. L’amido si trova nelle patate e in altri ortaggi a radice. Le piante immagazzinano energia di riserva come amido, proprio come noi immagazziniamo energia di riserva come grasso. Anche l’amido, proveniente da ortaggi a radice e cereali, come il grano, è praticamente fuori dal menu del cheto.

Ma ci sono alcune speciali catene extra-lunghe di carboidrati che producono un tipo unico di zucchero che puoi mangiare sul cheto, che esploriamo nel nostro articolo sugli zuccheri cheto-friendly