Hummus è Keto-Friendly? Cosa hai bisogno di sapere

Hummus Keto è amichevole? La verità è che l’hummus tradizionale di ceci non è adatto ai keto. Non perdere la speranza, però, perché discuteremo alcune deliziose alternative a basso contenuto di carboidrati che sono perfette per il cheto. Sono ugualmente nutrienti e deliziosi come l’hummus tradizionale.

GUARDA ANCHE: La nostra guida alla dieta cheto per principianti.

Che cos’è Hummus?

Hummus è una pasta nutriente o una diffusione che proviene dal Medio Oriente. Di solito è fatto con una miscela di ceci schiacciati cotti, tahini, olio d’oliva, spezie e succo di limone. La parola “hummus” significa ceci in arabo.

L’hummus viene spesso mangiato con pane, pane indiano, insalate, salsa per verdure e da solo.

È stato scoperto che coloro che consumano hummus hanno un apporto più elevato di fibre alimentari, acidi grassi polinsaturi, vitamine, acido folico e minerali essenziali rispetto a quelli che non lo fanno.

Poiché è stato scoperto che la maggior parte degli americani consuma meno della quantità raccomandata di fibra alimentare giornaliera, l’hummus è un modo eccellente per ottenere una buona spinta nutriente. È anche considerato un alimento eccellente per vegani e vegetariani perché è ricco di vitamine, minerali e proteine.

I ceci sono di solito l’ingrediente principale dell’hummus; tuttavia, ci sono anche altri sapori di hummus disponibili nei tuoi supermercati. Non è nemmeno necessario acquistarlo ed è super rapido e facile da preparare con solo 3 o 4 ingredienti miscelati.

Hummus Valori Nutrizionali

Quattro tazze di hummus tradizionale di ceci al giorno equivalgono a 2 tazze di legumi a settimana e 25 grammi di fibra alimentare [1].

Nutrienti di hummus a colpo d’occhio (100 g)

Proteine: 7,9 g

Grassi: 9,6 g

Carboidrati: 14,29 g

Fibra: 6 g

Calcio: 38 mg

Ferro: 2,44 mg

Magnesio: 71 mg

Potassio: 228 mg

Sodio: 379 mg

Sebbene l’hummus sia un alimento nutriente, è importante notare, tuttavia, che non tutti gli hummus sono creati uguali. Molti hummus acquistati nei negozi possono contenere additivi come oli vegetali che sono noti come grassi trans.

Posso avere Hummus mentre sono su Keto?

L’hummus tradizionale non trasformato è ricco di sostanze nutritive; tuttavia, è ancora un alimento ricco di carboidrati. Una tazza di hummus fatto in casa ha 49 grammi di carboidrati. Sicuramente potresti dire che non lo mangerai tutto in una volta, ma non è qualcosa che raccomandiamo di rischiare perché è uno spuntino delizioso.

Se ami troppo l’hummus di ceci e non vuoi un’alternativa keto-friendly, puoi sperimentare la dieta ciclica chetogenica. CKD è un programma di dieta in cui seguiresti la dieta chetogenica per cinque giorni alla settimana e avresti un periodo di alimentazione di carboidrati per due giorni. È raccomandato per gli atleti e significa semplicemente che entrerai e uscirai dalla chetosi ogni settimana.

Oppure, potresti creare deliziosi hummus usando ingredienti a basso contenuto di carboidrati e keto come cavolfiore, carciofi e avocado. Otterrai ancora la consistenza pastosa e il gusto dell’hummus da questi ingredienti e la parte migliore è che non ti elimineranno dalla chetosi.

Vantaggi di Hummus su Keto

Ecco alcuni vantaggi degli ingredienti humus di keto come l’avocado, i carciofi e il cavolfiore.

Avocado

L’avocado è un alimento versatile e keto-friendly ricco di grassi, vitamine e minerali sani. Parlando di minerali, gli avocado contengono più potassio delle banane, il che significa che sono un ottimo modo per ricostituire il potassio perduto nella tua dieta cheto. È anche una ricca fonte di antiossidanti.

Un altro grande vantaggio dell’avocado è che può aiutare a migliorare il profilo generale del colesterolo [2].

carciofi

In uno studio del 2000, 143 pazienti adulti con colesterolo alto hanno ricevuto 1800 mg di estratto di carciofo o placebo al giorno per sei settimane [3]. I risultati hanno rivelato che il carciofo ha ridotto il colesterolo LDL (cattivo) del 22,9% mentre il placebo è diminuito solo del 6,3%. Hanno anche scoperto che l’estratto di carciofo era ben tollerato e non causava effetti avversi.

In un altro studio simile del 2013, 96 partecipanti in sovrappeso con colesterolo alto sono stati assegnati per avere 250 mg / die di estratto di foglie di carciofo o placebo per otto settimane [4]. I risultati hanno rivelato che il carciofo ha ridotto il colesterolo LDL aumentando contemporaneamente il colesterolo HDL (buono).

Cavolfiore

Il cavolfiore è un altro alimento nutriente a basso contenuto di carboidrati e puoi usarlo in una varietà di modi come il riso al cavolfiore e la pizza a basso contenuto di carboidrati. In uno studio del 2017, dieci adulti sani sono stati nutriti con una dieta a base di cavolfiore alta o bassa per due settimane [5]. I risultati hanno rivelato che l’elevato consumo di cavolfiore potrebbe essere potenzialmente benefico per la salute del tratto gastrointestinale poiché riduce i batteri che riducono i solfati.

E ora ecco alcuni vantaggi generali del consumo di keto hummus:

Spinta grassa

Se hai mai cercato su Google come mangiare più grassi con la dieta chetogenica, l’hummus keto-friendly come quello di avocado, ad esempio, è un ottimo modo per ottenere un rapido aumento di grassi sani.

Sazietà

Il consumo di grassi sani può farti sentire sazio e aiutarti a evitare le tentazioni di mangiare troppo o imbrogliare [6]. L’hummus è una ricca fonte di grassi e proteine. Un cucchiaio di hummus può fare una grande differenza per le tue voglie a tarda notte o quando senti il ​​bisogno di mangiare qualcosa al lavoro.

Versatile

Hummus è così versatile e puoi mangiarlo con quasi tutto o da solo come spuntino. Alcuni modi in cui puoi mangiare l’hummus sono:

  • Come contorno o salsa per la carne cotta.
  • Come tuffo per le verdure di cheto.
  • Perfetto per il tuo pane a basso contenuto di carboidrati e rottis.
  • Il ripieno perfetto per panini a basso contenuto di carboidrati o lattuga

Aumento degli elettroliti

La dieta cheto, come avrai sentito, è diuretica, il che significa che perderai molti elettroliti attraverso l’urina e il sudore. Perdere una quantità anormale di elettroliti può causare sintomi come mal di testa, vertigini, affaticamento, nausea, vomito, debolezza muscolare, crampi e nebbia del cervello.

Un altro motivo per cui potresti riscontrare sintomi simili è dovuto all’improvviso ritiro dai carboidrati.

La buona notizia è che i sintomi dell’influenza chetonica possono essere prevenuti e trattati con l’aiuto di fonti alimentari naturali compatibili con cheto come sottaceti, acqua salata e brodo di ossa. Un’altra fonte migliore per ottenere la tua dose di elettroliti sarebbe il cheto hummus perché l’hummus generalmente contiene molto potassio, sodio e magnesio.

Pasti Hummus di esempio

Hummus di cavolfiore con pollo o pesce alla griglia

Sembra e assomiglia quasi alla cosa vera, dice Melissa, l’autore di questa ricetta di hummus a basso contenuto di carboidrati. Come affermato in precedenza, l’hummus è versatile e può essere associato a quasi tutto. Puoi mangiare questo hummus di cavolfiore con pollo alla griglia o usarlo come salsa per i tuoi gambi di sedano.

Inoltre assomiglia e sa di purè di patate a basso contenuto di carboidrati aggiornato. Quindi può anche essere mangiato invece di purè di patate.

Panino low carb con hummus di avocado

L’avocado è un altro cibo cheto versatile che puoi usare per fare qualsiasi cosa, dalle salse per insalata, al gelato cheto, all’hummus a basso contenuto di carboidrati. Ecco una deliziosa ricetta di hummus di avocado che puoi usare per aromatizzare il tuo normale toast di avocado, pane semplice o usare come salsa.

Hummus uova alla diavola

Mescola i tuorli delle uova sode con l’hummus keto-friendly e versane un po ‘di nuovo nelle uova. È così semplice. Sarà uno spuntino nutriente pieno di proteine, grassi, vitamine e minerali per curare le tue voglie.

Riferimenti

  1. Wallace TC, Murray R, Zelman KM. Il valore nutrizionale e benefici per la salute di ceci e hummus. Novembre 2016 – https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5188421/

  2. Alvizouri-Muñoz M et al. Effetti dell’avocado come fonte di acidi grassi monoinsaturi sui livelli lipidici plasmatici. 1992 – https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/1308699

  3. Englisch W et al. Efficacia dell’estratto secco di carciofo in pazienti con iperlipoproteinemia. Marzo 2000 – https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/10758778

  4. Rondanelli M et al. Effetti benefici della supplementazione con estratto di foglie di carciofo sull’aumento del colesterolo HDL in soggetti con ipercolesterolemia primaria lieve: uno studio in doppio cieco, randomizzato, controllato con placebo. Febbraio 2013 – https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/22746542

  5. Kellingray L et al. Il consumo di una dieta ricca di verdure di Brassica è associato a una ridotta abbondanza di batteri che riducono i solfati: uno studio randomizzato di crossover 2017 aprile – https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5600105/

  6. Rilevazione del grasso. Gusto, consistenza e effetti post-ingestivi. Samra RA. Capitolo 15: Grassi e sazietà. 2010 – https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK53550/